Riconoscimento invalidità civile ed indennità di accompagnamento

avvocato ostia

Come fare ricorso contro il verbale Inps che non riconosce l’invalidità civile o l’indennità di accompagnamento?

Per contestare il giudizio sanitario espresso dalla Commissione medica Inps nel verbale di invalidità civile occorre tener conto prima di tutto del termine stabilito per l’impugnazione, termine fissato in 6 mesi dalla notifica del verbale. Nel caso in cui il termini sia scaduto si dovrà inviare una nuova domanda amministrativa.

Per ricorrere contro il verbale negativo sarà necessario rivolgersi ad un avvocato esperto in diritto del lavoro il quale, raccolta tutta la documentazione medica del cliente, provvederà a depositare un ricorso per accertamento tecnico preventivo presso il Tribunale del luogo.

Il Giudice, in prima udienza, dopo aver effettuato le verifiche preliminari, provvede a nominare un consulente tecnico (un medico iscritto all’albo dei periti del Tribunale), che, dopo aver effettuato la visita medica sulla persona del cliente e dopo aver analizzato la documentazione medica prodotta, redige una perizia sulla sussistenza dei requisiti medico legali.

La perizia del Ctu viene inviata al cittadino e all’Inps nei termini indicati dal Giudice, ed infine deposita una relazione finale. Il Giudice, nel caso in cui non ci fossero contestazioni delle parti, omologa la relazione del consulente con decreto inappellabile. Nel caso invece di contestazione della relazione, entro 30 giorni dal deposito della stessa, deve essere promossa con ricorso una causa ordinaria.

Se ti è stato notificato un verbale Inps che non riconosce l’invalidità civile o l’indennità di accompagnamento rivolgiti ad un avvocato per proporre ricorso.

Contatta lo Studio Legale Zigari, sito in Ostia Lido Roma, l’Abogado Mario Zigari saprà come aiutarti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Call Now ButtonChiama Ora
WhatsApp chat